mercoledì 14 settembre 2011

Perchè???

Perchè continuo a dimenticare che il bollo e l'assicurazione dell'auto scadono al 31 di agosto e non al 16 di ottobre come invece mi sono convinta io???
Perchè continuo a bucare la gomma posteriore sinistra della macchina???perche???
Perchè mi metto finte scadenze (anticipate OVVIAMENTE) sul calendario per ricordarmi di pagare qualcosa??complicandomi oltremodo l'esistenza!!come venerdì che sono andata di furia a pagare le tasse universitarie e per non so quale cacchio di problema della banca mi sono fatta un'oraequararantasette minuti di fila quando scadevano il 29 di settembre?????????????????
Perche pago un abbonamento annuale all'estetista per la ceretta se non mi ricordo mai di andarci??ecco l'altro giorno quando CoinquilinoAlto mi ha salutata dicendomi "ciao bell'ometto" mi son detta, va la che è ora!!e quelli del centro estetico un buco in giornata l'han trovato (ma solo perche ho l'abbonamento eh..) con la splendida soluzione di farmi la cera in fretta, dimezzando quindi la pausa pranzo di tre poracce che mi hanno torturata in tre....veloccissimamente però eh!!!ancora non sento la parte posteriore della gamba sinistra ma il pelo superlfluo è deceduto!!!
Perchè non lavo mai separatamente i capi nuovi per vedere se stingono???
Io sono un imbranata...
Vabbè meno male che sta settimana ha avuto anche lati positivi:


come l'altro giorno che il Coinquilino è tornato con questa tra le mani, strappata da non so dove, dicendo che siamo proprio noi..e ne ha fatto anche un quadretto....ancora rido quando ci passo davanti...


come un pacco arrivato a sorpresa con dei buonissimi pomodori dall'orto di un caro amico...


come la scoperta della glassa fondente, che adesso finalmente sto iniziando a sperimentare (una mia amica mi ha commisionato la sua torta di compleanno!!) e che come avevo previsto mi piace da matti per cui, si senza dubbio ad  ottobre farò qualche corso per imparare a realizzarla per bene....

certo sempre che io non dia fuoco al laboratorio dove si terranno le lezioni!!!

martedì 6 settembre 2011

Il fantastico mondo del nuovo ticket sanitario.

Da lunedì scorso in Emilia-Romagna è scattata la corsa alla ricerca dei moduli per il nuovo ticket.Per lo meno qui a Bologna sta cosa sta generando un serio delirio in ogni cup, ospedale e poliambulatorio della zona.Tralasciando il fatto che tutto deve essere compilato in rigorosa duplice copia, con tanto di fotocopia dei documenti annessa, e che se non rientri nelle caselle del modulo pre-stampato ti tocca farti un autocertificazione (una roba che farsi candidare al nobel son bazzecole al confronto!!), ecco tralasciando tutto questo, io mi domando che cacchio di senso abbia sta cosa.
Prendiamo il mio caso.
I miei hanno una loro personalissima concezione di come dovrebbe essere il mondo e di cosa sia giusto e cosa no,per cui al momento di scegliere l'università, pur potendo rientrare nella borsa di studio e andare in uno studentato (cosa che all'epoca mi sembrava un sogno,una roba fichissima...che ahimè non potrò mai dire di aver sperimentato..) non mi è stato permesso di fare richiesta "perchè noi ci possiamo permettere di mantenerti, il tuo posto lascialo a qualcuno che ne ha bisogno"..salvo poi, al momento di organizzare le vacanze estive in campeggio con i compagni dell'università, venir fuori con l'altrettanto mitica frase "scusa ma pensi che i soldi caschino dagli alberi?se vuoi andare in vacanza puoi benissimo prenderti un lavoretto estivo e pagartela da sola!!".
Ecco quindi che mi sono ingegnata, ho cercato quello che c'era da fare e mi sono così imbarcata nel mondo lavorativo con l'unico obiettivo di raggiungere gli altri nel campeggione alcolico in toscana.
In realtà è poi successo che il lavoro mi è piaciuto da matti,che oltre alla vacanza sono riuscita ogni anno a pagare le tasse e i libri da sola, e ad un certo punto ho anche avuto il dubbio che forse quello che stavo studiando non era poi quello che realmente volevo fare.Così un anno mi sono imbarcata in un avventura che fosse più di un lavoro estivo e che è durata poco più di due anni.
In questo periodo ho capito cosa volevo dalla vita e sono quindi tornata sui miei passi a finire sta benedetta univeristà, ho messo da parte qualcosa ma di certo ho ancora bisogno di aiuto da parte dei miei per mantenermi.
Ecco che arrivo al punto...io è da settembre 2010 che non lavoro più (per lo stato italiano intendo, perchè il babysitteraggio si paga rigorosamente in nero ovviamente!!).Non sono iscritta a nessuna lista di collocamento, non cerco un lavoro.Bè visto che il mio reddito è pari a zero per lo stato italiano io rientro nella fascia minima,e continuerò a non pagare il ticket.
Bè a voi questa non sembra una roba pazzesca??????
Cioè se una persona sceglie CONSAPEVOLMENTE di non lavorare, e qui attenzione non parlo di persone che han perso la casa o son per strada, nel mio caso è semplice effettuare un controllo, basta vedere che ogni anno pago le tasse universitarie, perchè dovrebbe avere delle agevolazioni???
Posto il fatto che dal mio punto vista la sanità dovrebbe essere TOTALMENTE gratuita, e che vabbè mi rendo conto che questo è solo un sogno, non mi capacito di questa cosa, dal mio punto di vista non trovare lavoro è molto diverso dal non averlo.Basterebbe obbligare tutti ad iscriversi al collocamento, o uffici predisposti, di modo da controllare chi vuole lavorare ma non trova un impiego, o chi come me sceglie di non lavorare (e quindi dovrebbe pagare) e chi sceglie di fare del lavoro in nero uno stile di vita (e quindi meriterebbe di pagarsela per intero la sanità e non solo).
Ecco a me ste cose fanno andare fuori di testa, sopratutto perchè sarebbe davvero molto semplice fare questo tipo di controlli, bisogna solo averne la voglia, ed inoltre così facendo si incentiva solo a non dichiarare.
Pazzesco, davvero.
 

lunedì 5 settembre 2011

Riassunto di un lungo viaggio.

Finalmente l'estate è finita,con la pioggia di ieri e di questa mattina direi che ci avviciniamo a grandi passi verso l'autunno,in assoluto la stagione che preferisco!!!
Quest'estate è stata bella, inaspettata e divertente.
E' stata un estate di esplorazione, di incontri, di nuove esperienze.
4000 km tra l'Italia e la Francia, tanto buon cibo, tanto buon vino, e moltissimissime chiacchiere.
E' stata un estate di posti stra-conosciuti e di posti nuovi, di amici di una vita e nuovi incontri.







I castelli della Loira e i loro paesaggi incantati...




Les caves à vin di saumur e i niniches del pouliguen.



Le mura e i giardini di Vannes


Le saline du guérande.



le case tipiche delle città normanni e bretoni
 






l'oceano enorme e sconfinato,i piccoli porti,e le gite in canoa nel parco di versailles
 


le spiagge della mia infanzia, l'odore del sale e vento, vento e ancora vento.
 


  Mi sono sbronzata su una torre di Bologna, ho mangiato pesce per la prima volta in vita mia ( e ho capito perchè non l'ho mai mangiato fin'ora!!!), ho dimenticato per un pò le vertigini e sono riuscita a salire e camminare in posti assurdi senza svenire, ho parlato moltissimo in italiano,francese ed inglese come non succedeva da tanto,...e  ho conosciuto due bloggers: Maggie e Marica!
Non avrei mai pensato quando ho iniziato a raccontarmi qui, che avrei potuto incontrare altre persone in "carne ed ossa", però è successo e ne sono molto contenta.Contenta di non essermi fermata a pensare a "chissà chi c'è dietro lo schermo" e di essere stata invece travolta dalla curiosità e dalla voglia di condividere un esperienza.
Ho conosciuto due persone interessanti, così diverse eppure con esperienze così simili alla mia, che mi hanno regalato due giornate speciali!
E' stata davvero una bella vacanza!!!

domenica 21 agosto 2011

Bologna magica

Ecco,io che ho ACCURATAMENTE scelto la meta di queste vacanze estive al nord-europa,in posti dove le temperature più calde raggiungono i 22 gradi,e dove ho potuto fare il bagno in un acqua gelata,17 °C, come piace a me,senza sole a picco e senza troppi bagnanti, mi ritrovo di ritorno a Bologna e mi sembra di essere in Africa.Ieri abbiamo sfiorato i 39°C, in casa si muore e all'idea di uscire quasi si sviene.
Dicono che questa a venire sarà la settimana più calda di quest'estate...ecchecazz...ma quanto son stata brava a declinare l'invito degli amicici per un ulteriore settimana in puglia in campagna e al mare eh???quanto???
Ah che dire!!!quando la sfiga non ci si mette faccio tutto io da sola con le mie mani!!!
E quindi siamo qui, di nuovo in città, in compagnia dei pochi già rientrati e circondati da mille matricole in cerca di casa/uffici/libri e altro.
In questo periodo, ovviamente caldo a parte, è bellissimo vivere Bologna, ci sono mille cose organizzate per l'estate e se ne può approfittare senza ressa, non ci sono problemi di traffico e parcheggio, e tutti sembrano più tranquilli.
Io ne sto approfittando per partecipare ad una serie di serate che già da un pò volevo fare, sono le serate di Bologna magica un modo diverso e divertente di riscoprire la città e conoscerne nuovi aspetti!!
Le due guide che accompagnano alla scoperta di questo mondo magico sono persone davvero speciali, hanno una conoscenza vastissima della storia della città e della loro materia ed è fantastico venire coinvolti in conversazioni tanto interessanti!!
Altre attività che si possono fare in questo periodo, complici le giornate ancora lunghe e le temperature che alla sera ci spingono ad uscire per poter godere di un pochino di refrigerio, sono gli appuntamenti con l'associazione vitruvio, la zone dei sotterranei di Bologna è ancora sconosciuta ai più ma meritano davvero una visita!!!
 
 

mercoledì 27 luglio 2011

Strane fotografie.

Che stamattina avessi il controllo annuale dalla dermatologa l'avevo quasi del tutto rimosso,ma si vede che facendo la doccia,l'acqua ha smosso la particella di sodio che dimora nel mio cervello e qualcosa s'è illuminato,ho porconato qui e li,ho preso i moduli della prenotazione e mi son diretta al poliambulatorio,miracolosamente puntuale ore 7:45(ma perchè continuo a prenotare le visite a questi orari disumani????non riesco a convinvermi del fatto che al momento della prenotazione farle il prima possibile mi sembra sempre una fantastica idea..ma vabbè..).
Certo poi il modulo che ho preso era quello delle analisi del sangue e non della prenotazione,e quindi scusati cento volte,fa la parte della rincoglionita totale,beccati della cretina dall'infermeria di turno,torna a casa alla velocità della luce,prendi il modulo giusto e sempre alla velocità della luce ritorna al poliambulatorio.
Perfetto,pago il ticket,e miracolosamente una botta di culo mi si materializza davanti,l'appuntamento che doveva essere dopo di me non c'è quindi posso fare tranquillamente il controllo.
Mi spoglio,mi sdraio sul lettino e mi lascio ispezionare.
Arriva il momento di girarsi,sento un pennarello che fa diversi cerchi sulla mia schiena,e una vocina che mi chiede se ho un telefonino che fa le foto (e io da sabato ce l'ho!!!!!!!nuovo,nuovo che manco so come si spegne!!!),lo prendo dalla borsa,lo consegno alla dottoressa e mi siedo di nuovo sul lettino dandole le spalle.
Lei fotografa,poi scrive il referto.
Ho la visita chirurgica filtro per quattro nei "strani" fissata al 17 di agosto,ecco,la velocità dell'appuntamento contrasta decisamente con l'ottimismo della dottoressa.E per me che faccio i controlli annualmente quest'oggi è stato un pò uno shock,uno dei quattro era già da due anni "molto controllato",ma che ne siano spuntati tre mai visti e bruttarelli mi lascia un filo di angoscia in fondo ad ogni respiro.
Ma la cosa che più mi sembra surreale di tutte è la questione delle fotografie,no perchè ma ti pare che io vada alla vista chirurgica con un referto striminzito e le foto dei nei "strani",cerchiati con un pennarello viola, sul telefonino?
E poi,metti che il cellulare lo perda/rompa da qui al 19 ( cosa maledettamente probabile)???
Ora tra le settemila cose da fare devo trovare il maledetto cavo che colleghi il maledetto telefono al pc e scaricarle,che qui non si sa mai...
Certo ho anche pensato di non lavarmi più la schiena fino al 19 agosto ma credo che CoinquilinoAlto avrebbe più di una cosa da ridire..
Tornando a casa, ho pensato che in fondo ho fatto sempre tutto ciò che ho voluto,che mi sento bene nei miei panni e che sono molto felice.
Le brutte notizie tirano sempre fuori il meglio di me.
Ma non mi va tanto di essere una persona migliore.

martedì 26 luglio 2011

Voglia di esserci.

E' un brutto posto il mondo che ti sottopone ad una gravidanza complicata.
E' un brutto posto il mondo che ti giudica, per cose su cui tu non hai nessuna responsabiltà.
E' un brutto posto il mondo in cui qualcuno si sente in diritto di entrare nel tuo privato e rendere una tua personalissima sofferenza pubblica,quando tu non lo hai mai richiesto.
E' un brutto posto il mondo in cui smetti di essere una persona ma diventi un "caso".
 
E' un bellissimo posto il mondo in cui c'è chi se la sente ancora di rischiare.
E' un bellissimo posto il mondo in cui c'è chi pensa che l'amore può tutto.
E' un bellissimo posto il mondo in cui trovi le competenze giuste nelle persone a cui ti sei affidato, che condividendo o meno la tua scelta, ti sostengono e fanno il MEGLIO per te.
E' un bellissimo posto il mondo in cui non ci si approfitta del dolore degli altri.
 
Al di là di credi religiosi,convinzioni politiche e questioni etiche, è speciale vedere tante persone unite nell'unico intento di fare tutto il possibile secondo coscienza, capaci di uscire fuori dai cavilli e dalle norme che alle volte rendono disumano questo lavoro.
 
In questi giorni ho partecipato a qualcosa di unico, che quasi sicuramente non rivivrò più nella vita, e in ogni istante ho sempre pensato che essere lì è esattamente quello che voglio nella vita.
In questo periodo mi si fa sempre più chiara e forte questa consapevolezza.
 

lunedì 25 luglio 2011

Esplosioni.

Oggi mi sorprendo di essere ancora tutta intera.Mi sorprendo ancora di più del fatto che in questi dieci giorni appena trascorsi non abbia ucciso nessuno.
Ho i topi nel tetto del condominio (ma come cazz è possibile che vadano a finire nei tetti??io ne sono ancora sconvolta,e poi non ne vogliono sapere di schiattare...)
Ho rotto il telefonino (che per l'uso che ne faccio direi che è stato il male minore)
Il frigo è esploso,decidendo,così,in un istante che non voleva più essere un frigorifero ma un forno.Il 18 di luglio son sempre cose carine da scoprire.
L'aspirapolvere ha deciso che se il frigorifero poteva diventare un forno anche lui poteva essere altro...
La macchina non è esplosa, ma manco si è più accesa..che questo caldo abbia dato strane manie anche a lei????
Una mia amica che si è trasferita di sua volontà in un'altra regione, ma continua ad essere iscritta all'università di Bologna,viene ospitata qui ogni qualvolta ha da fare esami (questo da circa un anno e mezzo),e siccome lei è sotto esame non fa NESSUN TIPO DI LAVORO IN CASA,certo io ho tutte le sfighe del mondo un esame da dare stamattina ma posso fare tutto per tutti vero????
Insomma alla fine se l'è presa perchè ero tipo la nuvola di lost e mi aggiravo funesta per la casa e lei non s'è sentita ospitata bene evidentemente,in realtà non so bene per quale motivo proprio questa settimana si sia messa d'impegno a scassare i maroni all'universomondo invece di lasciarmi in pace a sbollire tutto il mio stress!!fatto sta che sabato se n'è andata e non ci siamo praticamente manco salutate e da allora è sparita nella nebbia...
Però ho in mente solo la scena di mercoledì mattina, lei aveva il suo esame e CoinquilinoAlto si è mangiato tutti i biscotti,evidentemente,e lei non ne ha trovati per fare colazione,e niente,quando si è alzata e non li  ha trovati, è venuta a chiedermi se avessi fatto o meno la spesa che lei non aveva nulla da mangiare (io ho tipo 3 bar e un forno SOTTO casa).
Ecco la settimana scorsa avevo troppe cose in mente,da fare,da studiare,da sistemare.
Ma l'esame l'ho fatto e mo ho tutto il tempo del mondo per incazzarmi per bene.
Che delle due non so se è meglio che si faccia sentire o meno.
In ogni caso è proprio una delusione,penso di averla aiutata in ogni modo possibile,per un anno e mezzo è stata qui ospite e non ha mai dovuto fare nulla,trovando ogni tipo di conforto,capita una settimana nera per me,e tu mi scassi l'anima perchè non ci sono i biscotti e perchè rispondo nel modo sbgaliato?
Che poi io sono così lascio correre,lascio correre,ma quando la goccia mi rovescia il vaso è fatta,è troppo tardi per tornare indietro.E' come se vedessi d'improvviso davvero la persona che ho davanti.Che un pò mi avevano avvisata eh...ma io sono così,testona.
E niente,siccome sarò pure testona ma anche mooooolto vendicativa aspetto solo il momento in cui si farà sentire per dirgliene quattro per bene.Che se pensa di cavarsela così ha proprio sbagliato!!
E mi rallegro di non vivere in un posto dove il porto d'armi lo danno a tutti,che a quest'ora avevo già una trentina d'anni di galera da fare.

venerdì 15 luglio 2011

Una giornata speciale BIANCA,ROSSA E BLU!

Per me il 14 luglio è sempre stata una festa importante,genitorepresente ci tiene molto alle sue festività e ci ha sempre coinvolte nei festeggiamenti.
Da piccola questa festa per me rappresentava le vacanze, la famiglia, una città sperduta del nord della Francia,una serata di fuochi d'artificio da guardare sui "remparts" del castello!
E' sempre stata una giornata molto coinvolgente,speciale.
Ieri eravamo qui, a Bologna e non in un magico borgo francese,ma abbiamo comunque festeggiato con una cena a base di formaggi, foie-gras, tanto vino, e focaccine tricolore fatte per l'occasione!!
E' stata una bella serata, ci hanno fatto compagnia genitorepresente e due vicine di casa speciali, e senza neanche accorgercene abbiamo fatto l'una.


Ecco gli impasti tricolore delle focaccine.Oramai non ne vengo più fuori dal tunnel dei coloranti alimentari!!:D




La tavola apparecchiata in tema per l'occasione.Il terrazzo "vestito" a festa, e il piacevolissimo vento di ieri sera sono stati una cornice perfetta!



Et voilà eccole le focaccine tricolore una volta sfornate!Con la pasta lievitata con il lievito di birra non sono riuscita ad avere un colore uniforme ma sono stata comunque molto contenta del risultato e dell'effetto "scenografico" ottenuto!!Sono venute molto buone,CoinquilinoAlto come al solito ne ha spazzolate una quantità esagerata!

Questa è la mia ricetta preferita per la focaccia:
3oog di farina manitoba (io personalmente adoro quella del molino spadoni per questo tipo di ricette)
154g di acqua
18g di olio
mezzo cubetto di lievito di birra sciolto con un cucchiaino di miele
un cucchiaino di sale

Impastare il tutto e lasciare lievitare per due ore.
Rilavorare l'impasto con le mani unte d'olio di modo che non si attacchi alle mani,e stenderlo su una teglia, una volta steso cospargere la focaccia con una miscela di acqua e olio con un pennello, più la bagnate più verrà morbida e "unta"!Poi lasciare lievitare di nuovo nella teglia per un'oretta.Scaldare il forno a 190°-200°, prima di infornare io la condisco a mio piacere o con pomodorini tagliati,conditi con poco sale e origano, oppure con sale grosso e rosmarino (come ho fatto ieri sera) e poi la inforno.Cuoce all'incirca in 15 minuti.


mercoledì 13 luglio 2011

Siam pazzi?

Oggi vorrei poter andare in giro a dare testate alla gente.
Specialmente a quelle schifosamente benestanti che un giorno di luglio ti vengono a dire:
"no ma ti rendi conto di che caldo fa qui?"
"eccerto abito nel tuo stesso condominio,e non c'ho manco l'aria condizionata"
"no ma io di giorno non l'accendo il ronzio mi rende isterica"
"....."
"si perche poi cosa vuoi fare al pomeriggio con questo caldo?io dovrei tanto lavorare,ma non si può,ho fatto l'abbonamento in piscina e io e la bimba ce ne stiamo lì tutti giorni""che poi,certo,lei dovevo portarla dalla nonna ma con questo caldo sai....non riesco a fare nulla""quelli che lavorano con sto caldo son proprio matti"
 
Eh già mi sa proprio che oggi nel pomeriggio mi vado a fare un giro al centro di salute mentale,chissà che non riesca a studiare un paio d'ore al fresco.
 
 

martedì 12 luglio 2011

Sfigatour 2011

Oramai ci siamo.
Con l'ultimo giro di telefonate ho concluso le prenotazioni per lo sfigatour2011.
Si si è così che io e amichetto-nano chiamiamo le nostre vacanze.
E mai,dico mai,che ne vada bene una.
Ah però ci divertiamo eh!!!che a noi la sfiga ci mette stranamente di buonumore (leggi isteria demenziale)!
Quest'anno l'itinerario prevede un tour de force di circa nove giorni, in auto, in giro tra la Normandia e la Bretagna, infilandoci nel ritorno verso Parigi anche due giorni di castelli della Loira!!
Ogni giorno faremo più o meno 300 km, assaggeremo vino e formaggio locale, ingurgiteremo quantità imbarazzanti di burro sotto forma di brioche di ogni tipo, e se le prenotazioni sono andate a buon fine dormiremo in case tipiche ogni notte,ospiti di graziosi francesi che non sanno ancora cosa li aspetta!
Tornerò con quantità di scatole di biscotti burrosi, patè di ogni tipo, niniches, e crepes sottovuoto pronte pronte da essere congelate!!
Che se in vacanza non metti su almeno 4 kg che vacanza è???
E adesso posso godermi in pace queste ultime settimane di luglio,aspettando il giorno della partenza.
Adoro la sensazione di calma dopo le giornate frenetiche passate tra prenotazioni on-line,telefonate,guide da studiare e carte prepagate.Dopo aver ricontrollato tutto almeno cinque volte,ora posso mettermi tranquilla e aspettare l'inizio di questa nuova avventura, alla scoperta di un nuovo pezzo di mondo da conoscere, di nuovi profumi da scoprire, nuove persone da incontrare.
 
 
 
 

lunedì 11 luglio 2011

Io e Te

Io non ho mai letto nulla di Ammaniti.Mai.Non mi hai mai incuriosita,e nessun suo libro mi è capitato mai tra le mani.
Poi la settimana scorsa qualcuno mi ha detto qualcosa,ricordo solo due parole: fratelli,tossicodipendenza.
Martedì passo davanti la feltrinelli e allora entro e lo compro."Io e te" di Ammaniti.
Ne sfoglio,e leggo poche pagine.Poi arriva la domenica mattina,mi preparo il mio tazzone di caffè mi metto sul divano e libro in mano mi godo un pò il mio tempo.
Il libro scivola via veloce.Scritto bene.Probabilmente per molti una storia come tante.Forse anche banale.
Io sono rimasta lì con le lacrime agli occhi,pensando a quella storia banale,così simile alla mia storia,a quella  fine che non è la mia fine,ma che poi in fondo,cos'ha di diverso?
Quando una persona cara diventa tossicodipendente la persona che conoscevi muore.
Non è una morte fisica,non è un corpo freddo,non è un cimitero in cui piangere.
Ma sono occhi,labbra,sorrisi,gesti che non conosci più.
Non si potrà mai tornare indietro,si potrà andare avanti,se se ne avrà il coraggio e la forza.
Ma sarà un domani in cui la persona che conoscevi non ci sarà più.
E bisogna trovare il modo per rimettere insieme i tuoi cocci e imparare a conoscerla di nuovo,imparare a non pensare che quegli occhi erano di chi amavi così tanto, imparare ad amare questi occhi nuovi,anche se ti hanno portato via quelli che conoscevi così bene.
Io penso che non leggerò più Ammaniti,ieri quel libro è stata una coltellata.Non sono ancora pronta per fare nulla se non stare male.Anche se so che io,almeno,posso iniziare ad andare avanti.Ma non è ancora arrivato il momento.

venerdì 8 luglio 2011

Gestire l'imprevisto.

Se oggi dovessi definirmi in una parola direi che sono sconclusionata.
Ultimamente mi è capitato di riflettere su certi miei atteggiamenti e non ne vengo a capo,mi ritrovo in un miscuglio di emozioni contrastanti che non riesco a gestire al meglio.
Io sono una persona fifona,non so bene perchè,ma è come se mi aspettassi sempre il peggio,ogni minima cosa che esca fuori dai binari del quotidiano mi dà sempre quel piccolo sobbalzo al cuore.Una telefonata in un'orario strano,un appuntamento all'ultimo minuto,situazioni impreviste in ambito lavorativo,ecco tutto questo mi mette in un fastidioso stato di agitazione.
D'altro canto però sono una persona che ci prova,si butta,che piuttosto che rinunciare si fa in quattro.Difficilmente mi tiro indietro.
Questa altalena di sensazioni sta producendo solo una cosa ultimamente: insoddisfazione.
Vorrei gestire meglio gli imprevisti e le cose fuori dagli schemi.Vorrei non dover avere bisogno di sentirmi preparata sempre a tutto.Vorrei poter uscire di casa pensando solo che non c'è nulla che io non possa gestire.
Perchè alla fine è così, riesco a gestire gli imprevisti, ma vorrei farlo meglio, più spontaneamente.
Vorrei non restare lì a pensare e rimuginare su cosa avrei potuto fare meglio, o su cosa avrei potuto dire di più efficace.
Vorrei non sentirmi così manchevole ed imperfetta in alcuni momenti, o forse vorrei solo potermene fregare.
Perchè io non sono una che pianifica, una ordinata, e allora mi domando perchè mi sento così "costretta" ad esserlo.Programmare e organizzare mi farà diventare meno ansiosa?
Forse dovrei solo iniziare a fumare dell'erba buona,per lo meno questo è il consiglio che qui va per la maggiore!

giovedì 30 giugno 2011

Viaggerò nel tempo.

Perchè se non ti sei laureata,pur lavorando da anni e riuscendo a sopravvivere,nessuno ti considera un adulta? Una pergamena luccicante con un bel voto sopra mi farà diventare grande improvvisamente?

Perchè dire quello che si pensa e agire di conseguenza ti fa diventare un persona dittatoriale? Io non obbligo nessuno a fare a modo mio,ma il mio rifiuto a seguire gli altri alle volte (quasi sempre) viene visto come una scelta prepotente.

Perchè rispondere a tono ti fa diventare una specie di vipera? Le persone buone e gentili che fanno?abbozzano sempre? (..e allora c'hanno ragione,non sono nè buona nè tantomeno gentile)

Perchè mi devi giudicare dalla quantità di euro che indosso? E perchè ci rimani male se io non ho manco considerato il fatto che tu ne abbia spesi un trilione per vestirti per questa occasione?

Perchè se arrivo in macchina da sola mi consideri una poverina che non ha un uomo che la scorti in tutto e per tutto? Ma soprattutto perchè una donna deve essere scortata?

Ecco io domenica ho un matrimonio di un'amica d'infanzia al paesello e già mi sta venendo l'orticaria,non per il matrimonio,che credo sarà una bella festa,ma per il paesello e gli interrogatori che dovrò subire.Che delle volte mi sembra di viaggiare nel tempo quando torno lì.
Al bar troverò solo gli uomini,che le donne mica escono,stanno a casa che hanno i figli a cui badare.
Dove le case sono vuote di libri,film,musica,giornali,interessi e a me in quelle case lì mi sembra sempre di soffocare dalla mancanza che c'è.
Della mia classe delle medie sono L'UNICA a non avere figli,e quando mi guardano sono pure in pena per me,mi guardano come se fossi esclusa da chissà cosa.Come se ormai non ci fosse più tempo.
Della mia classe delle medie, 26 alunni, in sette non si sono diplomati alle superiori.Le ragazze che hanno fatto l'università,tutte nella città vicina,perchè non si va a vivere fuori dal paesello,l'hanno fatta per aspettare i loro ragazzi,ingannare il tempo diciamo.Che poi comunque fa figo dire che hai la moglie laureata.
Il paesello è a 30km dal capoluogo di provincia e le mie amiche preferiscono non andarci da sole in macchina,che poi la città è grande e guidare è complicato.
C'è chi racconta di quella volta che è andato a Roma e sull'autobus ha incontrato solo stranieri,e voleva chiedere informazioni ma anche l'autista era di colore,e lui non ha chiesto niente a nessuno "perchè che ne volevano sapere quelli?".
C'è chi mi chiede quando tornerò a casa,e abbandonerò questo posto.E quando dico che penso che tendenzialmente non lo farò mai,rimangono di sasso.Increduli.
Quante volte mi son sentita dire che "hai tanto tempo da perdere se ti puoi leggere tutti quei libri",oppure "che vizio è quello di voler girare tutto il mondo eh?" o ancora "ma tanto che te ne fai di tutte quelle lingue se poi rimani a vivere in Italia?".
Ecco quando torno lì a volte capisco perchè l'Italia è messa così,posso toccare il menefreghismo con le mani,la assoluta non-voglia di conoscere il mondo che ci circonda,l'unico pensiero quello di coltivare il proprio giardino e di farlo meglio degli altri,che poi se riesci a fregare qualcuno sei solo più furbo ed intelligente.

venerdì 17 giugno 2011

Grandi ritorni,forse.

Sono circa 28 anni che sono al mondo.
Di questi 28,se sommo tutti i momenti che ho passato assieme a genitoreassente,credo che si arrivi a malapena a 6 anni.
Lui che ha sempre voluto rincorrere i suoi sogni,che ci ha insegnato a non arrenderci mai,che se si ha un idea nella testa bisogna andare contro tutto e tutti e portarla avanti,anche se poi quando arrivi alla fine del cammino ti accorgi che poi non è che tu avessi proprio ragione.
Lui che ha voluto per noi questa vita strana.Fatta soprattutto di conoscenza,di mente aperta e spirito di avventura.
Lui che pur non essendo presente nel quotidiano ha condizionato tutta la mia vita.

Ricordo ancora l'estate dei miei 12 anni quando per affrontare il "problema delle vertigini" mi ha trascinata in una non-stop di giornate in montagna,al grido di "se ci vai spesso prima o poi ti abituerai e non avrai più paura" mi sono fatta tutta la catena del GranSasso,CornoGrande compreso altezza massima raggiunta 2914,mi sono appassionata alla montagna ma la paura è rimasta lì!

I pomeriggi passati a ad ascoltarlo mentre ci leggeva le poesie di García Lorca.

Le sue regole di base per la vita della casa: "in casa non far entrare MAI preti o carabinieri!".

La strana fissazione di far viaggiare la famiglia in aerei separati,che non si sa mai.Complicando OVVIAMENTE ogni spostamento all'inverosimile.

Non c'è niente da fare,è una presenza unica,ingombrante ed invadente.Quando c'è lui non c'è molto spazio per gli altri.
E io sono sempre stata abituata a viverlo con un filtro,perchè la distanza ha attutito i normali attriti che ci sarebbero stati tra genitori e figli.Perchè nel poco tempo che si ha a disposizione per vedersi,si mettono in luce e si vivono solo le cose belle,quelle brutte ognuno le vive per se,nel suo piccolo.E tra alti e bassi ha sempre funzionato.
Certo non è mai stata una figura presente su cui contare,ma comunque rimane mio padre.

Mio padre che tra poco più di un anno compierà settant'anni e che un pò inizia a pensare al futuro.(si si ha inizato presto a pensarci!!ma meglio tardi che mai!)
E in questo futuro,fatto di una salute un pò ballerina,e di bisogno concreto di assistenza,ha deciso di rientrare nel Suo paese per la pensione,che poi,mi fa ridere quando dice di essere Italiano,lui che ha 69 anni e che 51 di questi li ha passati all'estero in giro per il mondo.
E in questo anno di cambiamenti,novità e decisioni drastiche,credo proprio che per natale me lo vedrò sbarcare all'aeroporto con la sua compagna pocopiùchetrentenne per iniziare una nuova fase della nostra vita.
Non riesco proprio ad immaginare cosa significhi averlo vicino a casa,non fare più conti assurdi per i fusi orari,vederlo nel quotidiano,avere un papà.
Vedremo,al momento non l'ho presa proprio benissimo.

lunedì 13 giugno 2011

Di "SI" ne bastava uno solo.

Forse stavolta il quorum si raggiungerà anche se rimango scettica fino alla fine.
Ma mi domando perchè questa nazione è messa così.
Che delle cose gli importa solo quando si mette mano al portafoglio.
Oppure quando succedono tragedie enormi (ma solo se parecchio "pubblicizzate in tv").
Che diciamocelo se non fosse stato per i poveri Giapponesi sto referendum non se lo filava nessuno.
E poi i quesiti sull'acqua...l'acqua????in Italia???che abbiamo dell'acqua pubblica buonissima,ma OGNI volta che vai al supermercato vedi una cassa d'acqua,almeno,in ogni carrello e quando qualcuno viene a casa mia e vede che uso l'acqua del rubinetto piuttosto si strozza che berne più di un bicchiere.E siamo drammaticamente tra i primi consumatori al mondo di acqua minerale.Che in piscina così come in palestra vedo gente fare la doccia lasciando scorrere l'acqua anche quando si è intenti ad insaponarsi e quindi di fatto l'acqua non serve.Che tra i tanti coinquilini avuti,ce ne fosse stato uno che chiudeva l'acqua mentre si lavava i denti.
E insomma mi chiedo ma da quando in questo paese è arrivata la coscienza dell'acqua che è un bene per tutti?solo da quando hanno intravisto la possibilità di vedersi aumentate le bollette?
Manca proprio una cultura di base sull'energia,il riciclo,il consumo dell'acqua.E dovremmo averla invece questa cultura,spero che questi referendum portino in questa direzione,anche se son partiti,forse,da punti diversi.

E poi l'unico quesito che,dal mio punto di vista,era,è importante davvero,quello sul leggittimo impedimento praticamente non l'ha considerato nessuno.
Eh vabbè.C'è di buono che di fatto andando a votare un'altra ics la fai anche su quell'ultima scheda no?

venerdì 10 giugno 2011

Dieci giorni.

Sono passati dieci giorni.
Dieci giorni dall'inizio della nostra vita a due reale,quotidiana.
Dopo sei anni assieme eccoci qui in un nuovo capitolo,un nuovo inizio.
In questi anni abbiamo imparato tanto l'uno dell'altra.Ci siamo vissuti,aspettati,rincorsi,sempre con il massimo impegno,con la ferma volontà di STARE assieme.Abbiamo creato,e nutrito,giorno per giorno,un legame,qualcosa che ci tiene assieme al di là della passione,della complicità,delle incomprensioni,dei litigi.
E' stata dura,lo è tutt'ora,ma funziona.Funzioniamo.
Siamo forti,indipendenti ed estremamente testardi.Sappiamo che la nostra vita senza l'altro andrebbe avanti lo stesso,e non necessariamente negativamente,anzi.Ed è con questa consapevolezza che ci guardiamo negli occhi e decidiamo che noi ci diamo qualcosa in più,che insieme ci miglioriamo.

Ora è tutto diverso.Perchè la quotidianità è un bruttissimo scoglio da superare,per noi tanto abituati alle sorprese,all'attesa,a quella distanza che in fondo era un bel paracadute,un'uscita di sicurezza.

Dieci giorni che mi sono sembrati uguali a tutti gli altri come se fosse così naturale,trovarti al mattino,e ritrovarti alla sera.Entrare dalle porta e sentire il tuo odore.

Forse siamo stati bravi,forse eravamo pronti e tu l'avevi capito.

martedì 7 giugno 2011

Chi l'ha detto che lo sport fa bene alla salute????

Cioè io questa mattina ho rimesso su la canottiera!
No.Dico.La CANOTTIERA.
Si va bene non le porta più nessuno prima dei 78 anni, ma io che sono sana come un lebbroso, mi raffreddo in circa 4 nano secondi,se poi contiamo il fatto che non soffro particolarmente il caldo, ecco che la discesa delle temperature di questi giorni,fino ad arrivare ad oggi,a 21 gradi, ha avuto su di me lo stesso effetto che avrebbe potuto avere una glaciazione.

Questa settimana di tempo orrendo,e la chiusura dei corsi in piscina per la pausa estiva mi ha costretta a fare una pazzia.Una roba che genitorepresente ancora ride e a gliel'ho detto tipo giovedì scorso appena l'ho fatta.

Io.Mi sono iscritta in palestra.
E si Marica è tutta colpa tua!!:D
E insomma piove,anzi,diluvia e non posso andare a correre.E non potevo stare ferma e vedere i risultati dell'impegno di questi mesi per muovermi il più possibile svanire.Così l'ho fatto.
Sono passata al lato oscuro della forza.
E tra poco passerò anche al lettino del fisioterapista,credo.

Che complice anche il ponte ho voluto fare il botto.E ho fatto cinque lezioni in cinque giorni.Spinning,pilates,yoga.Cose mai fatte prima ovviamente.

Così adesso mi ritrovo con serie difficoltà nel salire e scendere le scale,alzare le braccia per lavarmi i capelli mi fa così male che quasi quasi vado a farmi due rasta.I lardominali mi impediscono quasi di respirare.
E cazzarola le scatole con le felpe,sono lì,in alto,in alto sull'armadio.Se mi allungo per prenderle ci rimango secca.Che io ci avevo creduto al fatto che fosse arrivata l'estate.Uff.Quindi oggi niente felpa,solo due magliette e la canottiera.
Sono fulminata.Ginnica.Iscritta in palestra.Ma totalmente fulminata.

venerdì 27 maggio 2011

mi posso svegliare direttamente domenica?

E finalmente arrivò il venerdì sera.
E domani mi tocca un matrimonio pallosissimo.Gli sposi sono due persone tristissime.Sarà di sera.La sera della finale di champions.E non ci sarà possibilità alcuna di sgattaiolare al bar per vederla,ET mi terrà inchiodata alla sedia anche per evitare che mi metta in un angolo a telefonare al Nonno per avere aggiornamenti in tempo reale.
Voglio morì.

Che dire?
Io stasera al grido di "FINISH YOUR BEER,THERE'S SOBER KIDS IN AFRICA" me ne vado al pub,sperando di dimenticare che giorno è domani!

mercoledì 25 maggio 2011

Istinti omicidi.

Ore quattroequarantacinque del mattino,Italia,Europa.
Driin-driin la distratta cade dal letto cercando di prendere il telefonino sul comodino.
"Pronto??"
"Ehi tesoro come va?"
...
...
"Genitore assente ma lo sai che ore sono????"
"Eh,sarai mica già a letto a dormire alle nove e mezza di sera,che hai fatto sei diventata una nonnetta?"
...
...
Ma genitoreassente!!!qui sono tipo le quattro del mattino!!!
"Ah cazz è vero mi dimentico sempre del fuso."
"Embè son solo 37 anni che vivi all'estero effetivamente c'è stato poco tempo per abituarsi."
"Vabbè tanto ormai sei sveglia,che dici la prendiamo una libreria bla bla bla,...(il mio cervello si è spento e mi sono rifiutata di interagire nella successiva conversazione)"

Vado in cucina e mi sparo un super tazzone di caffè americano.Mi stendo sul divano,modalità post sbronza colossale (spiaccicata a quattro di spade pancia in giu e testa di lato nel vuoto),e tento di salvare il salvabile della nottata.

Ore cinqueemezza del mattino,Italia.Europa.
Driin,driin.
Ma c@##@%%!!!!,porconando qui e lì rispondo.
"Tesoro ma stai bene???"
"Stavo meglio prima della chiamata,ma cazz te lo sai che ore sono visto che abiti nel mio stesso fusi orario!!!!!!"
"si vabbè ma non potevo aspettare,stavo monitorando il sito dei terromoti e ho visto che ce ne sono stati diversi in romagna,verso la costa,e tu??stai bene??"
"genitorepresente ascolta sarà mica il caso di controllare che cazz di pillole t'ha dato la dottoressa per la pressione,no,perchè,sai tante volte si fossero sbagliati...ma come ti viene in mente?a parte che abito a Bologna ma ci siamo sentite ieri sera,e poi se non dormi basta guardare l'ingv,guardati un film!!Ciao!"

Io ho una famiglia di pazzi furiosi.

E visto che oramai ero sveglia,mi sono infilata pantaloncini,maglietta e scarpette e sono andata a correre così alle sei del mattino,già un paio di volte avevo provato a correre la mattina presto,ma verso le sette e mezza,e devo dire che c'è tutta la differenza del mondo.Sono rientrata a casa piena di energie,e assolutamente di buonumore.L'incazzatura l'ho smaltita tutta sull'asfalto dei giardini margherita.

Poi mentre mi spogliavo per la fare la doccia,mi sono guardata e ARGHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!
Sono uscita a correre in PANTALONCINI con delle gambe che fanno concorrenza all'orso yoghi,l'ultima ceretta fatta tipo 22 giorni fa.
Ora capisco perchè se la rideva tanto la signora del piano di sotto.

Quindi ora mi ritrovo,una levataccia,un incazzatura,un male ad un polpaccio,e una clamorosa figura di merda.
Penso che oggi andrò a fare un patto con l'inps,io gli elimino due pensioni e loro mi sistemano a vita.

martedì 24 maggio 2011

Scoprirsi bacchettoni.

In questi giorni ho parlato con un mio amico di sua sorella che ha iniziato a fare cose strane.
Ha la mia età.Ha venduto l'attività che le hanno comprato i suoi perche troppo faticosa.Ha trovato un nuovo lavoro,che la ha restituito i fine settimana e le mattine prima delle nove.
Il moroso,quello importante,della convivenza l'ha lasciato ad ottobre scorso.
Ora non esce con nessuno.Ma ha tanti nuovi interessi.Primo fra tutti una nuova lingua,esotica.Una di quelle cose che, boh, mi fanno pensare tra me e me che forse sarebbe meglio impiegare quel tempo per piantare finocchi ecco.
Da qui è iniziato tutto.Un nuovo giro di conoscenze.Che tutto sommato nella vita incontrare una nuova cultura è la cosa più stimolante che ci sia.
Queste conoscenze le hanno fatto conoscere un mondo dorato,fatto di loft a Milano,giri in barca sulla costa Adriatica,fine settimana depurativi in spa cinque stelle.
La senti parlare,raccontare, e vedi quelle foto.
E un dubbio si insinua.Perchè mai persone che possono permettersi tre borse al giorno da 2500euro l'una,dovrebbero cercare proprio lei?
E' carina,sveglia e sa di essere sexy.
Lei dice che va tutto bene,che è felice,che questa è la vita che vuole.
Non dimostra l'opposto in effetti.Sempre così sorridente.
Ma se anche fosse una scelta consapevole,perchè?
Perchè non porsi delle domande e farsi dei problemi?
Perchè, se adesso ti diverti e ti va bene così,magari tra qualche mese ti sveglierai che forse non saprai più chi sei.

E così mi scopro bacchettona,pudica, e moralista.Ma non ce la faccio.Per me le esperienze sessuali, o sentimentali non possono essere fatte per commercio.Non senza svilire la persona che si è.

E niente i genitori sessantottini e fuori di testa che mi ritrovo non sarebbero proprio fieri di me,ma io giuro che non lo sapevo, di avere una coscienza dico, l'ho scoperto così d'un tratto...e poi capitano tutte quest'anno ste folgorazioni,che stia diventando grande?

Aiuto.

giovedì 19 maggio 2011

weekend col Nano!

La prima immagine che ricordo di te eri praticamente nudo,solo un paio di mutande bianche e le scarpe marroni,le uniche "buone" che avevi all'epoca,corona d'alloro in testa e bottiglia di prosecco in mano.Ti aggiravi così di fronte alla tua facoltà appena laureato.

Ricordo che pensai,io ancora liceale,che il giorno della mia laurea col cazz che avrei chiamato qualcuno per farmi ridurre così.

In realtà quello che non sapevo,è che eravamo più simili di quanto non potessi neanche immaginare,e che saremmo diventati AMICI.Di quelli veri.

Abbiamo insieme una propensione alla sfiga allucinante,quando diamo gli auguri a qualcuno quel qualcuno si gratta.
E ne andiamo molto fieri.

Ci piace pulire le pentole di sugo col dito.Non ci facciamo strani problemi a dormire in ogni luogo possibile.Siamo due pericoli al volante.Adoriamo il risiko e Douglas Adams,lost e Jonathan Coe.
Da quando sei in Spagna nulla è cambiato tra noi,solo quando ci vediamo tendiamo a non dormire per non sprecare tempo prezioso.

Per questo fine settimana è tutto pronto:
-birre fiche riportate dal Belgio a marzo in fresco.
-spesa con ogni tipo di schifezza suina e cioccolatosa fatta.
-scatole di ogni variante del risiko che possiedo tirate fuori.
-seconda stagione di Community scaricata e pronta.
-carte da uno ritrovate.
-fresbee che finalmente è bel tempo.

E se da qualche parte dell'emilia-romagna sentirete due pazzi cantare in macchina a tutto volume questa bè allora siamo noi!
Che a noi l'idea di fare del sesso a newyork non so quanto ci piace e allora ce la cantiamo!

mercoledì 18 maggio 2011

Respirare profondamente.

E' successo più o meno sei anni fa,si forse un pò di più,io non sono proprio il tipo da anniversari o da date impresse nella mente,quello spazio mentale lo riservo solo per accadimenti fantastici( o meno) come Hakkinen che vince il mondiale nel giorno del mio compleanno (il fatto che il mondiale costruttori andò alla ferrari fù l'unico neo della giornata,uff*),oppure io che prendo la patente altro accadimento storico,il giorno in cui morì ladyD che fu il giorno in cui morì il padre di un mio compagno delle medie,la prima volta che la morte mi toccava da vicino.
Ma per le questioni amorose,nada, non riesco a ricordare le date.Non c'è nulla da fare.Sono geneticamente inadatta alla memorizzazione di questi avvenimenti!!!

Comunque sei anni fa o poco più,entrò nella mia vita ET e nonostante la distanza,la mia assoluta inettitudine ai rapporti di coppia,la mia esagerata indipendenza,e la mia pazzia decise che si,si poteva comunque restare insieme.Certo il ragazzo mica è un santo,ha anche lui i suoi 785230000000000 difetti,ma bazzecole nei confronti dei miei.Io sono il lato pazzo e pratico,lui quello calmo e teorico.
Io sono quella dei mille ripensamenti,lui quello del "il cerotto va strappato subito senza tante storie".
Io la disordinata cronica,lui quello che pulisce anche il fornello dopo aver fatto i piatti (si,sia a pranzo che a cena).
Io quella che legge velocemente e parla a raffica,lui quello che riflette e ascolta.
Io quella che cambia il pigiama tre volte la settimana (perchè sono pazza eh...) lui quello che cambierebbe le lenzuola tipo una volta al mese..tanto mica lavoriamo in una stalla.
Io che faccio la spesa e mi rimane tutto attaccato alle mani,lui che esce di casa solo con la lista e ti tiene per mano modalità guinzaglio tirato cortissimo.
Io che faccio 230km per prendere un piumino Ikea dell'offerta natalizia limitata perchè a Bologna non c'è più,lui che ha cose nuove solo se glie le regala qualcun'altro.

Ecco questo soggetto qui,ha deciso, così di punto in bianco di mandare all'aria tutti i nostri piani,e di venire a vivere con me!!!!
Non che non se ne parlasse,ma doveva accadere tra un pò,dovevo trasferirmi,dovevamo cercare casa.Invece no,o meglio,per questioni lavorative tutto questo sarebbe slittato per un altro pò e lui ha deciso che no,non poteva più aspettare.

Il primo giugno me lo ritroverò qui.In casa.Mia.
P-A-N-I-C-O.

Sono contenta di avere un altro anno e più qui a Bologna,ma non ero pronta,non sono pronta a questo.
Io piango, mentre lui ride di me e porta scatoloni e prende misure per il nuovo armadio,per la scrivania dove metterà la sua playstation.No ma una playstation a CASA MIA????????????ci rendiamo conto?????
Che io sono così i cambiamenti non mi piacciono,anche se spesso mi hanno portato cose migliori.Ma la fase di assestamento intermedia la detesto.Vorrei saltarla e trovarmi subito nel periodo bello,senza passare dal via ecco.

Che poi mi dico,che se riesce a guardarmi mentre piango perchè devo salutare i coinquilini,perche non ci sono più uomini menefreghisti e latitanti come una volta,perche non sarò più solo io,perchè userà tutti giorni il mio bagno,e continua comunque a sorridermi e portarmi il gelato al biscotto che io adoro,bè forse è davvero quello giusto,forse funzionerà.


*eh si io sono pure tifosa della maclaren...lo so ce le ho proprio tutte...

giovedì 12 maggio 2011

fortuna che ho risposto!!!:D

Ricevere una telefonata da un vecchio capo che ti cerca disperatamente per un lavoro,non ha prezzo.Soprattutto perche quello non è il mio campo,ma evidentemente è una cosa che ho fatto bene.
Me ne vado a saltare sul letto!!
Oggi va così!!!:DDDDD!!!

mercoledì 11 maggio 2011

Ci siamo quasi.

Domenica ci saranno le elezioni.
Finalmente.
Dopo più di un anno di commissariamento viene da dire che era proprio ora,che no,noi non siamo il Belgio,dove si son ritrovati senza governo e han scoperto che se ci si mette d'accordo e a lavoro le cose vanno benissimo lo stesso.
La campagna elettorale è stata estenuante perchè in fondo è come se non si fosse mai fermata dall'anno scorso.
Ecco questo forse ha reso ancora più insofferenti tutti al clima politico generale.
L'impressione che ho a pochissimi giorni dal voto è che siamo fermi paralizzati,dalle troppe chiacchiere,dall'amministrazione precedente,dai candidati che sono tanti e "troppo uguali",dal mito di Bologna,come se fosse Lei a doverci risollevare.
Siamo una fotografia del clima genrale di rassegnazione.
E io non vedo l'ora che arrivi martedì,per sapere quello succederà e non solo a noi.Per vedere se le persone hanno capito,e in che paese vogliono vivere.
Perche se si continua a votare questa gente è perche qualcuno ci guadagna,alle spalle di qualcun'altro ovviamente.Le mie ad esempio.
Voglio proprio vedere se riusciamo a voltarci tutti e guardare in faccia la realtà e iniziare a cambiare,prima noi e poi loro.
Provando ad immaginare una lista essenziale delle cose che vorrei succedessero da martedì,bhe quello che mi viene in mente è questo:
- vorrei che TUTTI andassero a votare,dovrebbe essere un obbligo e non solo un diritto,perche chi si disinteressa del proprio paese non dovrebbe più averne di diritti.
- ri-vorrei una politica sociale.Perche ultimamente l'abbiamo gettata alle ortiche.
- Vorrei che la politica lasciasse da parte la chiesa e si concentrasse su l'uomo e le sue necessità,che poi quello che ognuno vuole fare della propria "anima" sono solo fatti suoi.E mi domando (ancora e ancora e ancora) perchè siamo tutti costretti a pagare "la tassa sulle religioni" in uno stato laico.Perche permettiamo i finanziamenti alle scuole private,la stragrandemaggioranza cattoliche,oppure ai capi di stato vaticano di mettere bocca nelle leggi del NOSTRO stato?
- Vorrei che si smettesse di dare etichette e codici alla famiglia,la famiglia è tutto e il contrario di tutto,la famiglia è fatta da persone che hanno voglia di farne parte (o meno),persone legate da sentimenti,doveri,responsabilità,e tutti dovrebbero avere l'opportunità di provare a costruirne una.Perchè ricordiamolo sempre che prima di essere uomini e donne siamo persone.
- Vorrei più educazione e rispetto dell'altro.Nella vita,e nella scelta della morte.
Sul tema lavoro ne avrei talmente tanti di "vorrei" che potrei star qui a scrivere fino a domani ma una sintesi del pensiero è questa: oggi che sto iniziando a costruire il mio mondo,e il mio futuro mi ritrovo spesso a pensare che vorrei una politica che non mi faccia considerare un trasferimento all'estero come una manna dal cielo.

mercoledì 4 maggio 2011

5.5

Sono giorni che ti penso e lo scrivo oggi perche domani la mia testa sarà altrove.Lo so già.
E qui posso dire tutto quello voglio.
E questo mi fa un gran bene.

E quello che voglio dirti oggi,domani e sempre è che TI VOGLIO BENE.

Che sì,il male che ci facciamo importa eccome,ci lacera,ci allontana e ci stanca.

Ma alla fine tutto questo passerà.Io lo so.Ne sono convinta.Tu crescerai e capirai.
E potrò nuovamente tenerti stretta,dirti che dovresti leggere di più,disegnare di più,mangiare di più.Fare la sorella grande rompipalle che poi è il mio ruolo preferito.
Mi incanterò a guardarti con i tuoi vestitini e le tue scarpe rosse.Con i tuoi sorrisi.Con le tue smorfie.Con i tuoi capelli legati.Con quel tuo fare costante di sfida a noi,al mondo.

E sogneremo di nuovo Firenze,noi tre e la vita.
Che io ci credo fortissimamente.Questi legami nessuno li spezza.Nemmeno noi.

Tanti auguri cipollina.

sabato 30 aprile 2011

"..ma c'é voluto del talento per riuscire ad invecchiare senza diventare adulti.."


Sono sempre stata una bambina nervosa,inquieta e "rigida".
Una delle cose più belle che ricordo di aver condiviso con Genitoreassente erano gli "esercizi di yoga per bimbi", come li chiamava lui, la sera prima di addormentarmi.Guardavamo su un atlante tutti i muscoli del corpo umano poi ci stendevamo sul tappeto a pensarli.E li immaginavamo, i nostri muscoli, uno ad uno, immersi nell'acqua calda, e nel vapore...e piano piano mi sembrava come di allungarmi sul tappeto, di diventare di gelatina, e a forza di pensare a tutti quei muscoli che riuscivano a stare nel mio piccolo corpicino eccolo lì, che arrivava calmo e tranquillo, il sonno.
Avevo circa quattro anni quando è iniziato questo gioco, e ancora adesso non c'è sera in cui non mi rilassi distesa come una mummia sul letto pensando a ogni mio singolo muscolo.

Ultimamente questo non basta più.Da diversi anni ormai il rapporto con il sonno è un conflitto continuo, e quando ho delle brutte giornate so già che le nottate saranno anche peggiori. Farò fatica ad addormentarmi, e sognerò cose orrende, per poi svegliarmi dopo poche ore senza più nemmemo un'ombra di sonno.

Il metodo "yoga per bimbi" non funziona più e sempre più spesso vorrei ritornare un pò bambina per poter credere ancora che questo gioco del sonno chiami veramente il sonno, e che Genitoreassente ritorni dolce così come lo ricordo.

Ma da un pò di giorni il Nonno ha deciso che questo mio modo di vivere potrebbe uccidermi, cito delle sue testuali parole, anche se credo che mi ucciderà lui e non questa vita senza sonno se continuo a guardare la tv di notte mentre lui dorme!!!!
E così da qualche mese viene vicino a me nel mio letto, e mi prende per mano, o facciamo stupidi giochi di parole, quelli che faceva lui con suo fratello piccolo prima di addormentarsi...e torniamo bambini tutti e due e proprio come dei bambini ci divertiamo troppo, iniziamo a ridere e in realtà l'ora del sonno si sposta ancora più avanti ma la qualità del mio sonno è decisamente migliorata, anche se la quantità del suo,diciamo...ecco...che lo rende decisamente irritabile durante il giorno!!!

Di noi questa è la cosa che amo di più.Riuscire a condividere anche queste bambinate.

giovedì 28 aprile 2011

456 giorni

In queste giornate di vacanze,feste e abbuffate,io ho ritrovato il sorriso.
Non tanto per le feste,che a me le vacanze di Pasqua proprio non piacciono,e nemmeno tanto per le mille persone incontrate,salutate,abbracciate.
No.

Fin da piccola sono sempre stata abituata a fare sport,a guardarlo,ad amarlo.Perche lo sport per me è bellissimo anche da vedere.Posso passare ore a guardare ginnasti saltare e contorcersi,pattinatori scivolare via veloci,sciatori ondeggiare giu da una montagna,giocatori di ping-pong sfidarsi all'ultima pallina..insomma io sono decisamente un animale da stadio!!!

E fin da piccola ho sempre sognato un giorno di vedere quella fiaccola,che dopo aver fatto quasi il giro del globo,si posa per accendere il braciere e far cominciare una delle più belle manifestazioni del mondo.
Ebbene...l'altro ieri ho completato l'acquisto per i biglietti delle OLIMPIADI DI LONDRA 2012 e sono così contenta che non so neanche spiegarlo.
Finalmente ci sono riuscita.
Finalmente sarò li..testimone di un evento meraviglioso e spero anche di qualche record nuovo di zecca.
Ho già preparato le bandiere,perche si sa io ne porto dietro sempre due...

Mancano solo 456 giorni...e io NON VEDO L'ORA!!!

martedì 19 aprile 2011

Chiusa in una scatola di frustrazione.

Studi.Tantissimo.
Ti prepari ad ogni più piccola evenienza,complicazione,eccezione.
Prosegui lungo questo cammino fatto di corridoi lunghi e bianchi,di persone importanti,di manuali imponenti.
Arrivi alla fine,quasi,che un poi l'hai dimenticato com'è che è iniziata.Cosa c'era nella tua testa prima.
Il sentimento prevalente adesso è l'inadeguatezza.
Che sei lì e cerchi di capire come districarti tra la normalità e la stranezza.
Che poi quale mai sarà la normalità se parliamo di esseri umani?
A me sembra tutto strano,tutto,tutto quello che non sono io,che reagisce diversamente da me,che pensa,e si relaziona con altre modalità è strano.Il "normale" sono io,ma solo perche io mi conosco.
Ti insegnano a pensare per schemi,che sono più veloci,e questo si sa,e così si spera ti sia più facile arrivare dritto al punto.
Qualcuno mi ha insegnato che forse l'unico modo per riuscirci davvero,ad arrivare dritto al punto,è quello di avere "passione per il vero".Si sono state usate proprio queste parole.Che li per li mi è sembrata proprio una stronzata,e invece forse un fondamento da qualche parte ce l'hanno.
Il vero credo fosse inteso come la realtà che è li,evidente ai nostri occhi,ma che vediamo invece plasmata dai nostri preconcetti.
E' stato un brutto esercizio questo.Il vero non è poi cosi facile da vedere.
Soprattutto quando i tuoi preconcetti sono i sentimenti.
E io ci ho pensato,e lavorato su.
Ma se qualcuno si trascura e si fa del male da solo,il sentimento primario è la rabbia.In un angolo della mia testa mi dico che la colpa sua e in qualche modo quello che ha è quello che si merita.
Però il sentimento prevalente è quello di aiutarlo,sempre.
Ma farlo con rabbia,frustrazione e diffidenza lo aiuterà davvero?
Dicono che sia normale.Che le emozioni bisogna saperle riconoscere e poi imparare a gestirle.
Questa è la parte facile.
Nessuno ti insegna cosa fare quando torni a casa e pensi che a forza di gestirti..ti stai perdendo chissà dove.

lunedì 18 aprile 2011

C'è bisogno anche di chi sa stare in silenzio....

Quattro giorni per cercare di digerire.
La delusione brucia di meno.
Ma è sempre presente.
Cinque settimane passate a studiare,leggere,guardare film,interessarsi,costruirsi un opinione,cercare occasioni per esprimerla quell'opinione.
E nel momento fatidico diventare rossa come un peperone,per poi fissare le mie scarpe e balbettare qualcosa di assolutamente inutile,dimenticando anche l'esistenza nel vocabolario italiano della parola "collezione".
Non c'è nulla da fare io sono deficiente.
Che poi parlare davanti ad altri non mi riesce,dovrei smetterla di farmi prendere dall'entusiasmo perche proprio non ci sono portata.

lunedì 11 aprile 2011

E ora che si fa?

Per me che appena vedo dall'autostrada l'insegna di Sandoni o la cupola di SanLuca mi si schiude lo stomaco e già mi sento a CASA.
Per me che amo ogni via,ogni portico,ogni angolo di questa città.
Per me che ogni giorno triste se passo da Laganà e torno a casa a piedi ho tempo e zuccheri sufficenti per smaltire la botta.
Per me che quel giorno di giugno a Villa Spada ho avuto uno stranissimo colloquio collettivo,e da lì è iniziato tutto e sono diventata GRANDE.
Per me che qui ho scoperto cose di me che non conoscevo.
Per me che qui ho imparato ad amare,e a soffrire tantissimo.
Per me che per sfogarsi basta fare tutto il portico di via saragozza a piedi,su su fino a SanLuca che poi da li si ridimensiona sempre tutto.
Per me che gli odori di questo quartiere sono inconfondibili,così come le persone.
Per me che ogni passo in quell'università mi da sempre gioia,terrore ed emozione,ancora come il primo giorno,ancora come quando mi sono seduta per la prima lezione.
Per me che qui ho conosciuto le persone migliori di sempre,e credo fortissimamente che qui siamo tutti un pò migliori proprio perchè siamo qui tra le sue "braccia".
Per me che qui ho iniziato a costruire il mio futuro.
Ed è un futuro che prevede tante cose belle,tanti sogni e tante emozioni da vivere.E prevede anche un trasferimento.
Per me che tra un anno potrei essere così lontana da qui...
Per me che in questi anni ho faticato così tanto proprio per arrivare qui,ora,e dire....
che NON SONO PRONTA.
Non sono pronta a lasciare Bologna.
Non lo sono per niente.
Ora che la cosa è sempre più reale,ogni volta che prendo un treno,o attraverso il casello in macchina sento il groppo in gola e non riesco a trattenere le lacrime.
NO NON SONO PRONTA.

venerdì 8 aprile 2011

cose che capitano!!!

Tutto quello che non doveva succedere sta settimana è successo.
Ho pure bevuto il collutorio.
E sono pure sopravvissuta.
E ho pure vinto un premio!!!
E mica me l'han dato due persone qualsiasi!!
Imperfect -che di "imperfetto" ha solo il fatto di non riconoscere i suoi mille e più punti di forza alle volte,ma noi siamo qui e le facciamo un gran tifo eh!!!!- e Cristina -che è una mamma,una cuoca,una moglie,una voce sempre amica e dolce,e ha pure una rubrica,questa,e delle volte li vorrei anche io i suoi super poteri!!!!:D- mi hanno regalato un premio!!!
questo:
E questo comporta raccontare dieci cose di se...
mmmm allora vediamo un pò...

1-Io non dormo MAI senza calzini,che sia inverno o ferragosto,non ci riesco,a piedi nudi non dormo.
2-Adoro il latteecaffècolmiele così,appena sveglia,che quasi quasi ho ancora gli occhi chiusi.
3-Mi piace pattinare.Sfrecciare veloce,sempre più veloce,e più velocemente ancora su una pista è una tra le sensazioni migliori che io abbia avuto in vita mia.
4-Detesto il mare,la sabbia,e quella sensazione di infinito che mi danno.Tutte le volte che mi trovo davanti a quel tappeto blu mi sento persa,e non mi piace per niente.
5-Ho una specie di malattia per le carte e i giochi da tavolo,so giocare a tutto e mi piace imparare i giochi dei diversi paesi che visito,infatti compro sempre dei giochi da tavolo tipici del posto,casa mia sembra una ludoteca.
6-Divoro libri e telefilm.Di entrambi ho una bella collezione.Quando li guardo,lo ammetto,mi sento un pò asociale!!
7-Cucinare è essenziale per me.Lontano dai fornelli,dagli impasti,dalle lievitazioni,dalle mousse,dalle sfoglie,dai ripieni sto male,quando mi capita di stare fuori tutto il giorno mi alzo prima per prepararmi almeno la cena,quando sono in vacanza appunto su un quaderno tutte le cose nuove che mangio e chiedo sempre tutti gli ingredienti che poi a casa provo a rifare di tutto!!-si,si lo so che mi manca qualche rotella!!!-
8-Viaggio molto.Non so dire se è solo un piacere,o più un esigenza,sono sempre stata abituata così,e vedo almeno uno o due posti nuovi all'anno.
9-Un prof all'università mi ha cambiato la vita,mi ha aperto gli occhi su tante cose e mi ha fatto capire che posto volevo prendere nel mondo.Credo che poche volte capiti questo nell'università italiana ultimamente,e mi sento fortunata.Ora so,ogni giorno,qual'è l'obiettivo da raggiungere ed era quello che davvero stavo cercando.Non credo che lo potrò mai ringraziare abbastanza.
10-Mi piace cantare,canti corali gregoriani o anche gospel.Il coro per me è qualcosa di magico.

e ora è il momento di premiare altri blogger!!!
vediamo un pò!!
Cinzia che è una super zia e un super ingegnere,che si è trasferita da poco in un'altra nazione ed è una forza!!!
Kisal che è chiacchierona,e mi piace "starla a sentire"!
Diletta che è una ragazza coraggiosissima,da ammirare ogni giorno.davvero.
Poison che mi fa sempre troppo ridere!!!!:D
Marica che l'ho incontrata per caso ed è un piacere leggere di lei e della sua splendida san diego!!!
Maggie che lei da Bologna è partita alla conquista del mondo,col suo maritino e la sua dolce memole!!:D
Lavinia che mi piace tanto il suo modo di raccontarci la sua vita!
Polly che la ragazza scrive bene davvero.Davvero.
Paola lei mi fa vedere del mondo il lato dolce,delicato,quello che a me sfugge quasi sempre,e vorrei imparare a tirarle fuori un pò di più le emozioni come fa lei.Che vive tutto così intensamente.E' una lettura preziosa.
Acky che solo bussando alla porta del suo blog sentite già un profumino..e non vi dico altro!!!

Ed ora benvenuto fine settimana e speriamo che i disastri per il momento siano finiti qui eh!!!!!!

mercoledì 6 aprile 2011

RABBIA X 2

E oggi sono due anni.
Due anni.
No è che proprio non mi capacito.
Due anni.Ok.
Noi che siamo stati sempre abituati-se poi si può essere abituati a queste cose-alle scosse.
Noi che si facevano le esercitazioni a scuola.
Noi che la volta dell'Umbria c'eravamo spaventati un bel pò.
Noi che ne mesi a seguire le scossine d'assestamento le abbiamo vissute maluccio.
Noi che per sei lunghissimi mesi abbiamo avuto tempo di prendere confidenza con quell'ondeggiare e sussultare strano della terra...
Per poi essere stravolti così dall'oggi al domani.
Nel mio caso la ferita è solo ai ricordi.Alla casa dell'adolescenza.Una bella gigantesca ferita fisica.Che ti costringe a diverse medicazioni,periodi di attesa e riabilitazione.
Si lo so.Sono stata tanto fortunata.
Perchè ci penso,eccome se ci penso,che se fosse capitato l'anno prima io Genitorepresente l'avrei perso...e niente che poi se ci penso non smetto più di piangere.

Ma oggi niente non ce la faccio,il dolore c'è,la tristezza anche,ma la rabbia,ecco,è come se ci fosse solo quella.
E non per il governo..che per quanto mi riguarda non l'ho mai considerato ne volenteroso ma ne tantomeno in grado di gestire sta situazione.
La mia di rabbia va ai miei ex-concittadini,alle persone che in questo dramma ci hanno marciato e continuano a farlo.
A quelli che non riescono a fermarsi di fronte alle perdita di una vita o alla distruzione di una parte di essa e continuano meschini a pensare solo a come fare per ricavarne il meglio,più soldi,una ristrutturazione gratis,un nuovo terreno.
Che mi sono dovuta anche sentir dire che non sono stata lungimirante nel non accettare l'abitazione sostitutiva che col tempo poteva essere un guadagno.
Che mi sono sentita dire che non davo l'appalto a quell'architetto le cose sarebbero andate per le lunghe.E così sta andando.
Che l'assegno che spettava mensilmente a Genitorepresente ho dovuto richiederlo UFFICIALMENTE tre volte e sono arrivati solo due assegni.Ovviamente conosco molte altre persone che invece lo ricevono tranquillamente da allora.
Che le comunicazioni me le danno il giorno prima per il giorno dopo,e allora ti organizzi con il lavoro e lo studio e parti,e ci sei sempre.A meravigliarli ma sopratutto perche A ME NON ME NE FREGA UN CAZZO DEL VOSTRO SISTEMA CLIENTELARE DEL CAVOLO,ci sono,anche se mi mettete tutti i bastoni tra le ruote,casa MIA non darà una lira a persone così.
Che io ho la testa dura come il marmo.E nessuno mi convincerà mai a sottostare a certi giochetti.
E vedremo chi la vincerà.

ps:il nervoso di questi giorni era dovuto al fatto che la rottura di un tubo mi ha allagato mezza casa,e quindi di nuovo giù per pulire e sistemare e ho potuto distrattamente (e non) considerare che è meglio una casa terremotata che una casa allagata.
Eh che vi pensavate voi??noi non ci facciamo mancare mica nulla!!!!

lunedì 4 aprile 2011

Settimana no,post inutile e crostata!!!

Io oggi mordo.Anche ieri mordevo.In realtà forse sono un pò di giorni.
L'attaccamento della sfiga alla mia persona è una cosa che proprio non mi riesco a spiegare!!!Io la odio con profondità e invece lei mi ama,così,incondizionatamente.
E mi sta sempre accanto e non mi lascia MAI,MAI EH???
Vabbè.Tendenzialmente me ne sono fatta una ragione però capita delle volte che proprio proprio mi girino alla grande!!!e in questo caso nessuno è al sicuro.Me compresa.Che vi garantisco che la Distratta incazzata è davvero un fenomeno paranormale da studiare,delle volte mi stupisco anche da sola di come riesca a rimanere in vita!!!Che faccio cose come buttare il fiammifero acceso dentro al bidoncino della carta e accorgersi solo per il fumo nero che il suddetto bidoncino è in fiamme e decidere li per li di spegnere il tutto con la prima cosa che ti capita a tiro e constatare che lo svelto non è proprio il massimo su un mucchio di cenere e fiamme,oppure decidere all'improvviso di cambiare corsia al casello senza pensare a nient'altro che tornare prima a casa,certo magari delle volte arrivare vivi potrebbe essere la prima tra le priorità,ma si sa la Distratta ogni tanto se le perde le priorità.

Nell'angolo di paradiso in cui vivo,dalla mia cucina si vede un bel giardino,questo incantevole fazzoletto di prato è chiuso,è di proprietà di un poco allegro appartemento del condominio di fronte,non può accedervi nessun altro,si entra solo da una scala collegata all'appartamento.Questo è rimasto vuoto per tantissimi anni..e tutti i giorni guardo quell'erba,gli alberi,i fiori e le panchine e mi piange il cuore che nessuno possa viverlo e goderselo.

Ora.Io vabbè sono incazzata.E sono mancata da casa per una quindicina di giorni.Rientro ieri sera,troppo in coma per notare alcunchè.
Stamattina ero li,che preparavo la mia colazione,quando ad un certo punto mi volto...e...e...e...IL GIARDINO è SPARITO!!!!L'appartamento è stato venduto probabilmente e i nuovi inquilini hanno deciso di ristrutturare il tutto e oltre ad inondarmi casa di polvere hanno ELIMINATO IL PRATO e alcuni alberi per fare questo...
Chè oltre ad essere arrabbiata per la distruzione totale del meraviglioso giardino,sono pure invidiosa per il mega barbecue!!!!
Certo pensieri più deficenti non si possono fare ma oggi mi girano cosi!!!
Quindi oggi il mio odio è profondissimo verso questi invasori,che hanno rovinato uno splendido cortile bolognese e che mi hanno anche aumentato il giramento di scatole.Sto meditando ogni sorta di fastidio da procurargli...fortuna che devo tornare a lavoro va là!!!

E allora maledicendo il nuovo vicinato a piu non posso mi sono un pò addolcita con la torta che per me fa "più primavera di tutte"!!!
La crostata con la frutta!!!
E si ora va un pò meglio!!!:D


Per l'impasto:
200g farina
100g burro
100g zucchero
1 uovo
1 cucchiano di lievito per dolci
Impastare e mettere a riposare in frigo mezz'oretta prima di utilizzare

Per la crema
(ricetta Montersino!!!-io sono del partito "impossibile vivere senza Luca!!!"-)
200g latte
50g panna
75g tuorli
75g zucchero
20g maizena
semi di vaniglia


Decorare con la frutta a piacere e poi ricoprire con la gelatina neutra!!!

martedì 29 marzo 2011

ed ho in mente Te

In questi giorni pieni pieni come uova,mi è capitata una cosa strana.O meglio qualcosa che mi ha stoppato per un attimo il cervello,che mi ha riportato indietro la mente ad un tempo diverso.Speciale.

In macchina all'improvviso,così,senza avvisare alla radio parte "E tu" di Baglioni.

E in un lampo mi è tornato alla mente l'Amore.
Per me l'adolescenza è stata piena di emozioni,di scoperte e di "innamoramente folli"!!!Però l'Amore l'ho conosciuto,scoperto e vissuto più tardi.Quasi 21 anni e un Lui che mai avrei pensato potesse farmi provare sensazioni del genere.
E' stato,e continua ad esserlo in qualche modo,un amore grande,speciale ed assoluto.Di quelli che vivi così,senza pensarci.
Ma è stato anche tanto dolore,rabbia e frustrazione.
Un'amore perfettamente sbagliato.
Un sentimento enorme,che però non è bastato.
Una relazione tutta di cuore e di pancia,senza nessun ombra di cervello.
L'abbiamo sviscerata in ogni modo possibile.Ma nel lungo periodo non è mai durata.

Questa storia mi ha insegnato tantissimo.
Primo che ora so quanto si può amare,e so come voglio essere amata.
Secondo che l'Amore in se non basta.Ci vuole qualcos'altro.Ed è trovare quel qualcos'altro,che ti piace e ti completa,che ti cambia la vita.

Però devo ammetterlo,quando qualcosa mi riporta alla mente quei momenti,quelle sensazioni,mi sento un vuoto dentro,una sensazione particolare che provo solo con e per Lui.Che per sempre rimarrà il Mio Lui.
E in questi momenti mi chiedo perche cavolo una persona capace di farti provare sensazioni cosi speciali non può essere quella giusta.

Deliri di un martedì mattina.

mercoledì 16 marzo 2011

Sentire l'Italia.

La Distratta è cresciuta in modo particolare.Senza nonni,zie,cugini o altro.Solo Genitorepresente,Genitoreassente e figliolame,distratto o meno.
E' nata in un paese straniero.Nella TerraDelPescoInFiore.Lì ha imparato a parlare,camminare,leggere,scoprire il mondo e tante altre cose.Anche Genitorepresente è straniero,proviene dalla TerraDeiFormaggi.
Genitoreassente è l'unico ITALIANO di questa stramba e viaggiante famiglia.Però lui questa piccola nazione l'ha schifata sin da subito,finita la scuola puf,si è dileguato,alla ricerca di un posto in cui poter vivere e far crescere i suoi ideali,ha viaggiato tanto,lavorato in posti assurdi,si è messo molto nei guai,ma mai e poi mai ha pensato di tornare in Patria.
Genitorepresente non disdegna la sua terra natia,l'amore e un'occasione di lavoro imperdibile l'han portato lontano da lì,ma nel suo cuore sempre e per sempre resterà un Formaggino convinto.
Un folle percorso ha riportato il figliolame e Genitorepresente qui in Italia.Posto meraviglioso.Ma davvero strano.Siamo finiti in un paesino piccolissimo,sotto un monte splendido.Ecco.Fino ad allora Distratta and Sisters non avevano mai sperimentato l'esperienza del "diverso",nel mondo fino ad allora conosciuto tutti erano diversi.E questo li rendeva un pò tutti "uguali".Nella TerradelPescoInFiore,poi,il rapporto con gli stranieri è l'opposto di quello che succede qui,c'è curiosità,voglia di conoscere,di condividere,di sapere "tu chi sei?",sinceramente.
Quindi una volta arrivati in Italia,complice l'italiano un pò incerto,tutti si affanavano a chiederti ma tu di dove sei?
Ecco.Questa è una domanda DIFFICILISSIMA a cui rispondere quando vivi in terra straniera,con genitori stranieri.Ancora oggi Distratta fatica un pò a rispondere.
Certo, il fatto di avere mezzo dna italiano doveva facilitare la risposta una volta qui,e invece...
Invece no.L'Italianità è una cosa che sente poco.E non so se questo suo sentimento sia una spiegazione alle tante polemiche che ci sono state sulla celebrazione dei 150anni dell'unità d'Italia.
Voglio dire,lei che vive qui da vent'anni oramai,come può sentirsi più Formaggina che Italiana?com'è possibile che nonostante tutto questo tempo,e una famiglia Italiana non senta così forte questo legame?Bè oltre alla società,che comunque nel suo caso ha ben poca colpa,devo dire che Genitoreassente non ha mai sentito forte questo sentimento Italiano,e in qualche modo non è riuscito a trasmetterlo al figliolame.Genitorepresente pur non essendo un pazzo nazionalista le ha sempre trattate da formaggine e così si sono sempre sentite parte di quel qualcosa e fiere e volenterose di festeggiare ogni giorno importante per la TerradeiFormaggi,da sempre.
E la cosa più assurda è che la tradizione nazionalista della TerradelPescoInFiore seppure vissuta per una decina d'anni e basta e sempre da stranieri le ha comunque accolte,e trovano che quegli odori,quei gesti,quel modo di pensare tanto diverso dal loro,siano comunque un pò casa.E anche li quando Distratta vede sventolare quella bandiera,o quei volti tanto familiari bè il cuore le batte un pochino più forte.

Ora io vivo qui.Perche l'ho scelto.La mia famiglia vive all'estero,chi in un continente,chi nell'altro.E mi chiedo perche mai sia così difficile sentirsi Italiani.
Io dalla mia ho una carenza di tradizioni e di trascorsi che non mi aiuta.Però vedo tante altre persone,amici,affetti che fanno fatica.Tanto al sud quanto al nord.
E allora mi dico che forse bisogna "rifarla" di nuovo questa Italia.A partire da domani,perche essere Nazione si può,e quando ci si riesce è una cosa che ci si porta dentro per sempre,ed è una cosa contagiosa,bella,e forte.Ed è una cosa che ti porti dietro sempre,in qualsiasi posto del mondo ti trovi.Anche quando nasci straniero in terra straniera.
Questo è quello che spero.E voglio credere che riusciremo a farlo.
Riuscire ad uscire dal proprio "giardino",riprendere la storia,abbandonare la strada della memoria corta e sentirsi diversi ma tutti Insieme.Io lo vorrei tanto.

lunedì 14 marzo 2011

Saluti,disastri e bomboloni blu

La settimana appena trascorsa difficilmente la scorderò,pensavo che questo 2011 volesse trascorrere in pace,lento,leggero ed anonimo e invece ecco che anche lui vuole lasciarti un segno indelebile addosso.
E così ho salutato un amico,per sempre.E fa cosi strano salutare così qualcuno di poco più di trent'anni.I funerali di Marco, per varie problematiche ci sono stati venerdì.
Venerdì.
Quando la mattina ho sentito alla radio quello che stava succedendo,non so,ma nella mia testa è come se quel disastro,quel terremoto confermasse qualcosa.Qualcosa che evidentemente non va se si può morire a trent'anni rientrando a casa,oppure sotto un muro d'acqua incotrollabile,quando si è fatto di tutto per costruire ogni cosa nel modo più antisismico possibile.
E' stata una settimana così strana.Piena di pensieri e sentimenti contrastanti.Intensa e dolorosa.
Io che ho la passione per la cucina, quando sono pensierosa o stressata,sono sempre li che impasto,inforno e sforno.
Mmm a penasrci bene,anche se non sono pensierosa sono sempre li che impasto,inforno e sforno..se non riesco a dedicare almeno un'ora al giorno alla cucina è come se non avessi potuto dare il giusto senso alla giornata.Però se sono triste,ecco,per me,quel piccolo regno che è la mia cucina è uno straordinario rifugio.
Ultimamente ho scoperto un pò il mondo dei coloranti alimentari e cosi invece che usarli solo per le glasse,o per la crema sui muffin, ho voluto provarli su un dolce che faccio sempre per carnevale.
E così lunedì ho fatto dei bomboloni blu.
Si si,avete capito bene BOMBOLONI BLU.
Certo l'impasto era fichissimo di un blu turchese brillantissimo e una volta lievitati sembrava di essere nella cucina di puffetta...però...(c'è sempre un però quando si tratta di me,la distrazione ambulante!!!)una volta fritti diciamo che del blu è rimasto ben poco,all'esterno quantomeno...e cosi mi sono ritrovata con un vassoio di bomboloni che sembravano dei kiwi scaduti e brutti...ma che appena morsi davano il loro spettacolo di crema e impasto blu puffo!!!una roba ATROCE.Ecco se per un attimo vi era balenata l'idea di farli...FERMATEVI!!!!quelli classici son così carini!!!!!!
(C'è da dire anche che avrei potuto friggerli un pò meno cosi forse sarebbero rimasti blu anche all'esterno,certo blu scuro ma comunque blu!!)
Ecco adesso aspetto che mi arrivino gli altri colori per poter sperimentare qualcosa di diverso e meglio pensato!!!!
Ecco a voi la terribile creazione:
e il suo altrettanto terribile interno:
La ricetta e il procedimento dell'impasto li posterò quanto prima!!

giovedì 10 marzo 2011

mamma che emozione..un premio!!!:D

Quando ho deciso di iniziare a scrivere,l'ho fatto perchè in alcuni blog che seguivo sentivo spesso parlare del potere terapeutico della scrittura e di mettere giu nero su bianco le sensazioni che si hanno.
Non sono mai stata brava a scrivere,ma alla fine mi sono detta proviamoci.
Volevo provare a tirare fuori quello che non riesco a fare nella vita di tutti giorni.Io che sono la ragazza pratica,la ragazza del fare,quella un pò cinica e con i piedi per terra.E allora mi sono detta che al riparo avrei potuto creare uno spazio per me,per essere anche polemica,triste,arrabbiata o felicemente felice!!!:D
Cosi è iniziato.
E poi bè poi è successo che ho "incontrato" degli amici con cui mi piace chiacchierare,che sto imparando a conoscere e che mi stanno dando tanto.
La settimana scorsa Cristina
e Imperfect
mi hanno regalato un premio e le ringrazio davvero tantissimo!
Ed ecco che a mia volta allora voglio premiare i "miei" blog,ecco le regole...



Questo premio ha lo scopo di far crescere i nuovi blog, cercando di dar loro più visibilità nel web.

Ci sono solo 3 regole da seguire:


1) Accettare il premio e scrivere un post nel proprio blog
2) Scegliere dai 3 ai 5 blog che seguite e che siano nati da poco o abbiano meno di 100 lettori fissi e comunicare loro che hanno vinto
3) Linkare il blog della persona che ve lo ha inviato

La mia lista personale:
1- Imperfect di http://dafidanzataamoglie.blogspot.com/ e Cristina di http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.com/ perchè sono state le prime con cui ho avuto modo di confrontarmi, perche anche se non mi somigliano,sanno sempre cosa dire nei miei momenti no,perche guardare il mondo con i loro occhi mi piace e mi fa conoscere e capire cose nuove.

2- Alessandra di http://lamelannurca.wordpress.com/ perche un pò mi somiglia,perche ama cucinare e girare per mercati come me!!leggendo il suo blog a volte sembra di essere lì a pranzo/cena/aperitivo con lei!!!:D

3- Lyndin di http://lyndinlau.blogspot.com/ perchè è una ragazza diretta,schietta e sincera,perche anche lei ha la passione per film e telefilm,perche mi piace come scrive,perchè il suo blog non vuole essere banale e riesce sempre a non esserlo!!

4- e ultima ma non in ordine di importanza Wondermamma di http://wondermamma.splinder.com/ perche è stato uno dei primissimi blog in cui sono "inciampata" perche adoro come scrive,e perche leggerla mi mette allegria,la sua famiglia è speciale e lei davvero straordinaria!!!